lunedì 21 marzo 2011

CONDIVIDIAMO


Su gentile richiesta di Eric, condivido.
Biscottini per il tè senza uova (per allergici, per chi voleva fare un dolce e non ricordava di non avere uova in casa, per chi vuole risparmiare sul prezzo delle uova).
In origine dovevano essere sablè alla lavanda, ma immaginerete che non ho comunemente in casa lavanda alimentare e miele di lavanda; abbiate fede, li ho già ordinati e sabato prossimo saranno sablè alla lavanda.
Avevo aroma di mandorla e ho usato quello ma penso vadano benissimo al naturale senza aromi, oppure con della buccia di limone grattugiata o come altro vi dirà la fantasia.

Per 20 biscotti circa

80 grammi di burro
60 grammi di zucchero
2 cucchiai di miele
140 grammi di farina
1 pizzico di sale
aroma a scelta

Far ammorbidire il burro a temperatura ambiente, impastarlo con lo zucchero, il pizzico di sale ed il miele fino ad ottenere una crema.
Aggiungere la farina un po' per volta.
Unire l'aroma preferito.
Formare con l'impasto delle palline e disporle su di una teglia antiaderente.
Porre la teglia in frigo per un'ora.
Far ammorbidire leggermente le palline a temperatura ambiente (circa dieci minuti), poi schiacciarle per dar loro la forma rotonda di biscotto.
Cuocere a 180 °C fino a quando i biscotti non saranno coloriti (tra dieci e quindici minuti).

Mangiati tiepidi e accompagnati con un dolcissimo Japan Buddha Ama Cha o in alternativa con un Rooibos africano oppure con un tè alla menta e cioccolato della casa Kusmi, sono semplicemente spettacolari.

Sabato prossimo versione alla lavanda e pinoli di decorazione.

18 commenti:

  1. credo che ci metterò la sambuca. non credo che ci sia nessuno allergico alla sambuca... :)

    RispondiElimina
  2. per Eric: Ho lavorato in un bar dove la sambuca scorreva a fiumi. Non bastava mai. Nessun allergico ovviamente. :)
    Carlotta: ti ho già chiesto se sei di questo pianeta? :**

    RispondiElimina
  3. ERIC
    La sambuca non contiene allergeni, è indubbio, però credo che nel caso i biscotti saranno più adatti per accompagnare il caffè :)

    RispondiElimina
  4. SCHEGGIE
    Ma non era il Cinar quello della Milano da bere? :) Biscotti al Cinar, saranno pure depurativi con il carciofo :)
    Mi sto guardando, non sono verde, non ho le orecchie a punta e non "telefono casa, quindi direi di si, sono di questo pianeta :) Ma poi perchè? Per la lavanda? Per la ricetta? (non è mia) Per il verde del blog? :))

    RispondiElimina
  5. oh, beh, ma nenache i biscotti da tè che ho fatto hanno accompagnato il tè, in realtà :)

    RispondiElimina
  6. ah!!!!qui è un attentato: oltre all'acquolina per i biscottini l'acquolina viene anche per il thè.......sei dannosa!:)))

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia... e grazie per l'attenzione (anche se l'uovo nell'impasto dei dolci non mi scatena allergia come invece da sé o nella crema... una strana intolleranza da quando mi fecero fare un vaccino, non proprio allergia). Sabato si assaggia, con una tazza di tè :)

    RispondiElimina
  8. MPT
    Prenditela con Eric, ha cominciato lui :)

    RispondiElimina
  9. CATE
    In effetti ho cercato la ricetta per te e anche se andrebbero bene con le uova, te li farò assaggiare ugualmente perchè li ho trovati buonissimi! Con la lavanda poi non so :) però a me il profumo di lavanda piace tantissimo. Sabato si prende il tè e poi vi si fa fare un giro in centro :)contiamo i giorni!

    RispondiElimina
  10. Ad un goloso di dolci come me passare di qui e vedere questo post fa venire un certo languorino... Ciao Sogno :-)) (kappa_a)

    RispondiElimina
  11. uhm...mi sa che faccio prima venire a Lodi a farmeli offrire da te col tè, che a farli :) dovrò superarla questa idiosincrasia con i dolci prima o poi! o meglio, con la fattura dei dolci, ché per mangiarli ho il problema opposto, bisogna picchiarmi per non farmeli mangiare :)

    RispondiElimina
  12. KAPPA
    Te li posso offrire solo virtualmente purtroppo, ma mai dire mai nella vita :) Ciao!

    RispondiElimina
  13. ARIA
    In verità anche a me non piace fare dolci perchè in genere sono complicati, richiedono molta precisione e non danno troppo spazio alla fantasia. La settimana scorsa ad esempio, ho fatto le zeppole ma soltanto perchè me l'ha chiesto una mamma pugliese che non conosceva la ricetta. A parte il fatto che abbiamo rotto il sac à poche e abbiamo dovuto continuare con innumerevoli bustine di plastica da congelazione, non sono venute benissimo perchè l'impasto era abbondante ed era difficile lavorarlo a dovere. Però questi biscotti sono molto veloci, ti consiglio di provare e per quanto riguarda il mangiare sono molto brava anch'io :))
    PS: sai che a Lodi ti aspetto sempre!

    RispondiElimina
  14. Singh! Non ho nulla di così esotico in dispensa. Solo banali (ed abbondanti) uova e del tè alla cannella ed arancia...Tu e l'Eric volate troppo alto e troppo in mondovisione per me, umile mangiatrice di biscotti del tipo "brutti ma buoni" (che a me sempre un pò malformati mi vengono, i maledetti!)...
    Carpe...;)))))))))))

    RispondiElimina
  15. CARPE
    Carpe, ma i biscotti van bene tutti, belli e brutti :) purchè siano buoni e i tuoi di sicuro lo sono. Vuoi che una sicula doc come te non sappia fare i dolci?!? Non ci credo neanche se lo vedo :)

    RispondiElimina
  16. (Belli e buoni!!!)^2 = Yummy! :P

    RispondiElimina
  17. BOB
    Quelli alla lavanda erano buoni davvero, particolarissimi :)

    RispondiElimina