martedì 12 aprile 2011

VOGLIA DI LEGGEREZZA


Era dai tempi del liceo che non passavo una giornata così.
All'epoca erano solo pomeriggi, con ora di rientro fissata per le 19:30 e guai a sgarrare.
In poche ore, la mia amica Carmela ed io, raggiungevamo il centro di Bari dalla periferia nella quale abitavamo e poi ce lo vivevamo tutto, in lungo e in largo.
Il giro era sempre il solito, vari negozi, la libreria Feltrinelli e la libreria Laterza, diverse puntate alle gioiellerie che a me non interessavano affatto mentre a lei tantissimo.
Puntualmente seccate dal militare di turno che non aveva altro da fare che seguire noi due ragazze in libera uscita come lui.
Poi sono arrivati il momento dell'università, il matrimonio, i vari trasferimenti e sono finite le amicizie femminili e anche la voglia di leggerezza.

Giovedì 7 aprile, Chiara ed io.
Siamo scese a Turati (me lo segno così mi ricordo dove devo andare la prossima volta quando voglio portare i bambini al museo di storia naturale), abbiamo percorso numerosi viali e stradine.
Abbiamo girovagato per Brera, entrando anche nell'imponente cortile dell'Accademia.
C'erano dei ragazzi seduti sui gradini; ne ho guardata una in particolare, vestita in modo molto originale, e ho pensato che sarebbe bello poter tornare indietro e seguire quello che si sente davvero di essere.
C'era una bella atmosfera pre estiva, tanta gente in giro, noi due rilassate.
Chiara mi segnalava i luoghi di Milano che lei ama e frequenta da sempre.
Abbiamo proseguito in zona Duomo, siamo entrate in negozi di ogni tipo.
Abbigliamento per donna, per bambino, profumeria, cartoleria, prodotti biologici, libreria, il famoso Lush che ne esci con il profumo di sapone tra i capelli.
Abbiamo mangiato sushi, bevuto caffè ma non dove avrebbe voluto Chiara perchè un temporaneo black out, limitato ad un solo isolato, ha impedito alla macchinetta di quel bar di funzionare.
Siamo tornate a casa, stanche e cariche di sacchetti ricolmi. Sono stata davvero bene.
Ho trovato finalmente una camicia viola a fiorellini da maschio che ha fatto la gioia di Federico.
Un abitino fucsia molto bon ton ha fatto sentire Arianna una vera principessa.
Mio marito ha gradito la quinoa, l'ottimo cous cous di farro e lo zenzero candito che si spera gli terrà la nausea da autobus sotto controllo durante la gita scolastica del prossimo venerdì.
Nessun militare in licenza ci ha disturbate.
In compenso sono stata rimproverata per telefono, al quale non riuscivo a rispondere impedita dai sacchetti e dal campo che andava e veniva: "Ho capito, ci sentiamo. Tanto non so dove sei!"
Per fortuna, oltre a quinoa, cous cous e zenzero, avevo acquistato per il geloso un gel doccia per due.
Ansia sedata in corner.

18 commenti:

  1. Sono io la prima???
    Il mio non è un commento, è una dichiarazione di invidia profonda ;-)))
    Non mi firmo, tanto sai chi sono!!!

    RispondiElimina
  2. Quanto sei apprezzabile, anche qui in questo post, godibile, al limite della pacatezza. Tea for two..la Milano tiepida, primaverile, pastello, quasi autunnale...e la barca va serena in questo mood che conferisci agli eventi :) sei fascinosa e siamo, così, sospesi sull'acqua...
    ecco una song così a caso...[ma potevo fare di meglio] :)

    RispondiElimina
  3. http://www.youtube.com/watch?v=2zxL_va72gk

    RispondiElimina
  4. Che bella questa voglia di leggerezza, questo passeggiare in relax con un'amica... quanto bisogno ne abbiamo! Peccato soltanto per quel militare in licenza :)

    RispondiElimina
  5. sono davvero contenta che tu sia stata bene!
    forse per i militari siamo semplicemente troppo mamme, che dici?? ;))
    chiara

    RispondiElimina
  6. ANONIMA CONOSCIUTA
    Se solo mi fossi ricordata di che tipo assurdo è la tua commercialista, ti avrei trascinata con le catene :)

    RispondiElimina
  7. BOB
    Che galanteria! Grazie :) anche della song che mi piace molto ed effettivamente dà l'idea dell'atmosfera che avevo in mente. Ciao Bob!

    RispondiElimina
  8. CHIARA
    Avevo scritto (e poi cancellato) non abbiamo più l'età :) ma la verità è che a Milano i militari non seguirebbero nessuna!

    RispondiElimina
  9. ELLIY
    E' vero si ha bisogno di momenti così, si regolano meglio i pensieri :) Per carità! Il militare in licenza era la nostra ossessione da ragazze :) ti si piazzavano accanto e non te li scrollavi più di dosso! Ciao :)

    RispondiElimina
  10. quesste sono vere perle nel quotidiano che a volte può anche stancare.....ciao! mp

    RispondiElimina
  11. E com'è il gel doccia per due?? E i fiorellini per maschio?? Ah, questi milanesi le inventano tutte... :)))) Spero che abbiate battuto il tacco e fatto il giro sulle palle del toro in galleria.... :) M.

    RispondiElimina
  12. MPT
    Ogni tanto ci vuole! ciao

    RispondiElimina
  13. GIARDIGNO
    Un uomo invidioso di una giornata di shopping? E' ben strano :)

    RispondiElimina
  14. MARION
    E chi lo sa! CI vuole una precisa programmazione per individuare il momento opportuno per usarlo :)
    I fiorellini sono francesi, molto piccoli. Mio figlio odia l'abbigliamento da maschio, lo trova scontato e poco fantasioso. Però non posso comprargli roba da femmina :) e questa camicia non sembra da femmina.
    C'è un toro meccanico in galleria? Se c'era non l'abbiamo visto e se l'avessimo visto avremmo battuto il tacco per girarci ed evitarlo almeno quanto i militari! :)

    RispondiElimina
  15. Un saluto veloce veloce...
    Ciao Sogno... :-)) (kappa_a)

    RispondiElimina
  16. KAPPA
    Sempre molto gradito il tuo saluto! Ricambio :)

    RispondiElimina