giovedì 5 gennaio 2012

2012

Il 2011.
L'anno dei quaranta.
L'anno degli occhiali e della disortografia.
L'anno del clarinetto e del rinnovato amore per la danza.
L'anno di Madrid, Firenze, Roma, un pezzetto di Piemonte e due puntatine in Veneto.
L'anno della polmonite.
L'anno del ritrovarsi.
L'anno della prima elementare.
L'anno di storia, scienze e geografia.
L'anno in cui è ricomparso un regalo per me sotto l'albero.
L'anno della mostra di gioielli e di due mancati mercatini.
L'anno della sesta casa in nove anni.
Un anno sereno, senza grandi preoccupazioni, senza lunghe liti, senza tante lacrime.
Con la speranza di riuscire a fare meglio nel 2012.
Se Dio vuole  ...
Buon anno nuovo!

6 commenti:

  1. Se Dio vuole , speriamo. Auguri Carla. M

    RispondiElimina
  2. Meglio di sei case in nove anni potrebbe essere (la butto là) nove case in sei anni.

    RispondiElimina
  3. MARION
    Grazie, anche a voi tutti!

    RispondiElimina
  4. MARIANETTI
    Dipende dai punti di vista :)

    RispondiElimina
  5. che sia davvero "buono", sperem
    ti abbraccio tesoro

    RispondiElimina
  6. ARIA
    Sperem!!! Bacio grande tesoro.

    RispondiElimina