venerdì 16 settembre 2011

IL SOLE E LA LUNA

Una si sente bellissima e si preoccupa che la puntura di zanzara sul viso possa rovinarlo.
L'altro si domanda davanti allo specchio se è bello oppure no.

Una dice che la scuola è bellissima e facilissima.
L'altro a domanda non risponde.

Uno disegna benissimo da alcuni anni ed ha molta fantasia.
L'altra comincia a tracciare adesso segni comprensibili sul foglio.

Una, colta da rabbia improvvisa, sta per tirare un pugno al fratello ma si ferma in tempo e si ripete come un mantra: "Rilassati Arianna, rilassati Arianna."
L'altro il pugno lo tira e basta.

Una dice che ha paura dell'acqua ma non rinuncia ad andare in piscina perché vuole a tutti i costi imparare a nuotare.
L'altro dice che farà dieci lezioni e poi deciderà se è il caso di continuare. La piscina stanca e l'istruttore pretende troppo ...

Una vuole l'hamburger senza verdure.
L'altro senza formaggio.

Una si siede con delicatezza sulle gambe, si accuccia tutta e dice: "Mammina cara, mi manchi tanto!"
L'altro fa i placcaggi tipo rugby, mi butta sul letto, mi stringe fortissimo e pretende mille baci.

A uno le parole bisogna cavargliele di bocca con la forza.
L'altra non smette mai di parlare, neanche nel sonno.

Una è sempre sorridente.
Un sorriso dell'altro è un regalo prezioso.

Il sole e la luna. Non se ne può fare a meno di nessuno dei due.

21 commenti:

  1. che dolce mammina di dolci "mostri" :-))) :***

    RispondiElimina
  2. E' proprio così: i fratelli enfatizzano le differenze!

    RispondiElimina
  3. Insieme costruiscono un universo, in tutta la sua perfezione!

    p.s. - poco fa una zanzara ha punto anche me sulla guancia, oltre che sulle braccia, su un piede, eccetera eccetera... corro allo specchio :)

    RispondiElimina
  4. sono davvero due mondi diversi ed interessantissimi i tuoi figli......:)mp

    RispondiElimina
  5. E si scambiano pure i ruoli: da "il sole" a "der mond" e da "la luna" a "die sonne" (non per il tedesco, ma per il genere).

    RispondiElimina
  6. manco pe niente!!
    e se gli stai un po' lontana per riposarti, semmai, ti mancano dopo due secondi, eheheheheh...

    Un bacio a tutti e tre...meravigliosi :**

    RispondiElimina
  7. come ti capisco... non se ne viene fuori

    RispondiElimina
  8. NHT
    non sembrano figli degli stessi genitori!

    RispondiElimina
  9. ELLIY
    :)
    sei ancora bellissima? :)*

    RispondiElimina
  10. MPT
    Come tutti i figli :) ciao

    RispondiElimina
  11. MARIANETTI
    Vero! ben ritrovato :)

    RispondiElimina
  12. ROSY
    Ad esempio oggi sono in gita e non so come farò fino alle 19 :)*

    RispondiElimina
  13. che bella la tua descrizione dei due pianetini, io posso solo testimoniare la differenza di carattere tra i mie gatti (a prop: la prima gatta che ho avuta si chiamava luna!)
    nicoletta

    RispondiElimina
  14. 1129
    Ciao Nicoletta, grazie e benvenuta su uno dei due blog :)
    sono belli i gatti, semmai decidessi un giorno di prendere un animale, sceglierei un gatto.

    RispondiElimina
  15. Scommetto che uno è maschio e l'altra è femmina...;)))
    Sono forte come indovina vero??
    Però mi hai suggerito un post sulla mia perenne disperazione dove si ha che ho due femmine di cui l'una mangia solo prosciutto cotto e l'atra crudo, una ama gli spinaci dentro la briosche e l'altra dentro la pasta sfoglia, una solo carne di pollo l'altra....
    o mio Dio, come ho fatto a sopravvivere a tanta gioia?
    :)))))

    RispondiElimina
  16. Caso mai non l'avessi capito la madre che grida "W la difference!" (assolutamente fuori luogo) sono io....
    Carpe

    RispondiElimina
  17. E invece si, sono figli degli stessi genitori e questo rende tutto straordinariamente interessante!!

    RispondiElimina
  18. CARPE
    Sei inconfondibile e anche le tue dob ... ehm ... ragazze lo sono! Allora aspetto con ansia il divertentissimo post sulla disperazione mammesca :)))*

    RispondiElimina
  19. NHT
    Ieri mi aveva colpito la frase in un post "si sa come va a finire quando si fiorisce diversi" che mi ha fatto pensare che siamo tutti fiori, quindi tutti meraviglie, e sbocciamo alla nostra natura differentemente. Il bello è apprezzare queste differenze. Bello e difficile.

    RispondiElimina